Modi di dire napoletani: “Saluto senza canist fa ‘a bberè ca nun l’e visto!”

Modi di dire napoletani: “Saluto senza canist fa ‘a bberè ca nun l’e visto!”

di Annina D'Ambrosio

Avete mai sentito dire: “Saluto senza canist, fa ‘a bberè ca nun l’e visto“?
E’ un particolare modo di dire napoletano con un significato semplice ma preciso.
Innanzitutto, il termine “canisto” deriva dal greco “kanusthron-ou” e significa cesto.
Infatti, in questo caso, “canisto” sta per “presente”, “regalo”, in particolare “cesto pieno di cose” come leccornie o regali.
Fa ‘a bberè” letteralmente sta per “fai vedere” (‘bberè (verbo) = verè = vedere) espressione dialettale che significa “far finta”, quindi “fai finta”.
Dunque, “Saluto senza canist, fa ‘a bberè ca nun l’e visto” si traduce letteralmente “Saluto senza regalo, fai finta di non averlo visto!“, insomma, un simpatico invito a non considerare chi si presenta a salutare senza portare un dono.
Questo modo di dire si collega concettualmente ad un altro, altrettanto particolare e piuttosto famoso: “Quann’ vien’ buss’ ‘a port’ ch’e pier’” ossia “Quando vieni bussa alla porta con i piedi” (“pier'” = sostantivo plurale di “pèr'” ossia “piede”); anche in questo caso, vi è il chiaro rivolgimento all’ospite che, quando si presenti in casa altrui, non sia mai a mani vuote, ma anzi con un regalo, che è sempre atteso e ben gradito, e quindi, avendo le mani impegnate a tenere il dono, “bussi la porta con i piedi!”.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!