Canzoni dedicate alla città di Napoli: top 10!

Canzoni dedicate alla città di Napoli: top 10!

di Annina D'Ambrosio

La musica è una forma d’arte bellissima, un elemento che caratterizza le nostre vite, i momenti, i ricordi di ognuno di noi. Nietzsche affermava che “la vita senza la musica sarebbe un errore” e, a mio parere, aveva pienamente ragione.
La musica napoletana è famosa in tutto il mondo, un patrimonio eccellente che vanta artisti ineguagliabili e brani celebri che sono veri e propri capolavori senza tempo.
Napoli è anche simbolo di musica e le canzoni dedicate alla nostra bellissima città sono davvero tante! Ecco un piccolo viaggio attraverso alcune delle più belle.
Canzoni di Napoli

  • “NAPULE E'” di Pino Daniele
    Questo splendido brano, composto ed eseguito da Pino Daniele, fa parte del suo album di esordio “Terra mia” del 1977. Una vera e propria dichiarazione d’amore alla città di Napoli, con la passione  di chi Napoli la ama veramente, e Pino Daniele, da napoletano verace, ha creato un capolavoro ormai famosissimo. Le melodie malinconiche e la sua voce inconfondibile rendono questa canzone emozionante dalla prima all’ultima nota, con un testo commovente: Napul’è, infatti, racconta Napoli nella sua bellezza ma anche nelle sue contraddizioni ed esalta anche i sentimenti di indifferenza e di rassegnazione di fronte alle difficoltà.

« Napule è ‘na carta sporca
e nisciuno se ne ‘mporta e
ognuno aspetta ‘a ciorta. »

  • TERRA MIA” di Pino Daniele
    Terra mia” è una delle 13 canzoni dell’omonimo album e, come “Napul’è“, è una dedica d’amore che Pino Daniele ha fatto alla sua città. Durante tutto il brano emerge viva la passione, l’entusiasmo, l’attaccamento, l’intensità delle emozioni e il senso di appartenenza a questa terra bellissima che è Napoli.
    Anima e cuore si fondono esprimendo un mix di forti emozioni che solamente chi ama la propria città può capire.

« Terra mia, terra mia, comm’è bello a la penzà
Terra mia, terra mia, comm’è bello a la guardà. »

  • “‘A CITTA’ ‘E PULECENELLA”  di Claudio Mattone
    Un altro successo dedicato alla città di Napoli è, senza dubbio, “‘A città ‘e Pulecenella“, scritta dal compositore, paroliere ed editore, di Santa Maria a Vico, Claudio Mattone. La canzone risale al 1992 ed è una delle canzoni più famose sulla città di Napoli, fa parte dei brani del celebre musical “C’era una volta…Scugnizzi” (sceneggiatura scritta in collaborazione con Enrico Vaime), ambientato tra ragazzi a rischio di una periferia napoletana. E’ una serenata che narra di un progresso che diventa nemico di Pulcinella, la maschera classica napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno e vedere l’avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima verace della vecchia Napoli.

« Comm’ è ddoce e comm’ è bella
‘a città ‘e Pulecenella!
Comm’ è ddoce e comm’ è bella
‘a città ‘e Pulecenella »

  • NAPULE” di Gigi D’Alessio, Lucio Dalla, Sal Da Vinci, Gigi Finizio
    Napule” è una canzone interpretata da Gigi D’Alessio, Lucio Dalla, Gigi Finizio, e Sal da Vinci, pubblicata come singolo nel 2004. Proviene dall’album “Quanti amori” di Gigi D’Alessio ed è un brano totalmente dedicato alla città di Napoli, alla sua storia e alle sue tradizioni.
    Racconta delle origini della Pizza Margherita, dei caratteristici vicoli di Napoli, dei loro colori e profumi, dell’arte napoletana, del grande Totò, di Sorrento e della famosa canzone “Caruso” di Lucio Dalla, del 1986: pare che il cantautore bolognese, in seguito ad un guasto alla propria imbarcazione, soggiornò a Sorrento, proprio nella stessa stanza d’albergo che anni prima aveva ospitato il tenore Enrico Caruso poco prima della morte. Qui, i proprietari dell’albergo, gli raccontarono degli ultimi giorni della vita del tenore e del suo profondo amore per una ragazza a cui dava lezioni di canto. Da quei racconti il grande Lucio Dalla ebbe l’ispirazione per scrivere il brano, divenuto poi un grandissimo successo.

« Napule,
t’o raccontano a Napule,
nfaccia e mure de viche
può lleggere a storia e sta bella città.»

  • “O PAESE D’ ‘O SOLE” di Libero Bovio e Vincenzo D’Annibale
    Libero Bovio è stato un poeta, scrittore, drammaturgo, giornalista italiano, autore di testi di molte celebri canzoni in lingua napoletana. Insieme a Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo ed E. A. Mario è stato un artefice della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana.
    Il testo di questo pezzo è di Libero Bovio, la musica di Vincenzo D’Annibale.
    Questa splendida celebrazione della città di Napoli, composta intorno al 1925,  è colma di gioia e passione ed esalta la bellezza inconfondibile della città partenopea, il paese del sole e del mare, nonchè il tema dell’emigrazione, della sofferenza nel lasciare questa terra e la felicità immensa nel tornarvi.

« Chist’ è ‘o paese d’ ‘o sole
chist’è ‘o paese d’ ‘o mare
chist’è ‘o paese addo’ tutt’ ‘e pparole
so’ doce e so’ amare
so’ sempe parole d’ammore. »

  • “‘A CARTULINA ‘E NAPULE” di Giuseppe De Luca e Pasquale Buongiovanni
    ‘A cartulina ‘e Napule è una canzone del 1927 scritta da Giuseppe De Luca, con le musiche di Pasquale Buongiovanni.
    Diversi sono stati gli interpreti di questo brano: la prima è stata Gilda Mignonette, ma possiamo ricordare anche Giulietta Sacco, Consiglia Licciardi, Giacomo Rondinella, Mirna Doris, Fausto Cigliano, Bruno Venturini, Angela Luce, Maria Nazionale, Lina Sastri e Irene Fargo.
    Narra di Napoli come di una splendida cartolina: il Vomero, il Lungomare, Mergellina, Marechiaro, Posillipo, il Vesuvio… panorami mozzafiato!

« Napule,
Aggio scritto pe’ tte chesta canzona
E p’ ‘o ricordo ‘e mammema
Aggio chiagnuto llacreme ‘e passione.
Che gioja, stu Pusilleco,
‘sta villa quant’è fina…
Comm’è bello ‘o Vesuvio…
che bella cartulina!»

“SIMMO ‘E NAPULE PAISA'”  di Fiorelli – Valente
Una celebre canzone del 1944, scritta da  Peppino Fiorelli con la musica di  Nicola Valente.
Musiche, ritmi e parole allegri e festosi, Simmo ‘e Napule paisà è un inno al popolo napoletano, al forte senso di appartenenza alla città, all’essere napoletani, al modo di vivere e di pensare del popolo napoletano, alla cultura e alla tradizione verace di questa città. Un invito all’ottimismo, alla positività, al superare le difficoltà, al gioire delle piccole cose e a non perdere l’allegria che contraddistingue il popolo napoletano: c’è il sole, c’è il mare e questo basta per essere felici!

« Basta ca ce sta ‘o sole,
ca ‘nce rimasto ‘o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe’ cantá…
Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…
chi ha dato, ha dato, ha dato…
scurdámmoce ‘o ppassato,
simmo ‘e Napule paisá!»

  • “‘O SOLE MIO”  di Capurro, Di Capua e Mazzucchi
    ‘O sole mio risale al 1898 e gli autori di questo celebre brano musicale sono Giovanni Capurro, Eduardo Di Capua, Alfredo Mazzucchi.  E’ una delle canzoni più famose di tutti i tempi ed è stata incisa da cantanti in tutte le lingue. La più grande interpretazione di questa canzone rimane, probabilmente, quella di Enrico Caruso, ma moltissimi altri artisti hanno interpretato il brano, del quale esistono molteplici versioni; fra le più famose quella di Elvis Presley, col titolo di “It’s Now or Never“, ma ricordiamo anche quella di Frank Sinatra, Elton John, Luciano Pavarotti, Claudio Villa, Roberto Murolo, Domenico Modugno, Dalida, Mina, Albano, Andrea Bocelli, Pino Daniele e altri ancora. Un capolavoro del patrimonio musicale mondiale, una canzone dedicata a Napoli, al bel paese, dove splende sempre il sole, simbolo di allegria, felicità, positività, vita quotidiana, bambini che giocano felici per strada, voglia di vivere! Ma la canzone non narra solo le bellezze di Napoli e del senso di appartenenza alla città, ma anche di un altro tipo d’amore: quello per la donna amata (“ma un’altro sole più bello è quello che irradia dal tuo volto“).

« Che bella cosa na jurnata ‘e sole,
n’aria serena doppo na tempesta!
Pe’ ll’aria fresca pare gia’ na festa…
Che bella cosa na jurnata ‘e sole.

Ma n’atu sole
cchiu’ bello, oi ne’
‘o sole mio
sta ‘nfronte a te!
o sole, o sole mio
sta ‘nfronte a te!
sta ‘nfronte a te!»

  • “SANTA LUCIA LUNTANA” di E.A. Mario
    Canzone napoletana scritta nel 1919 da E. A. Mario (pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta), paroliere e compositore italiano, tra i massimi esponenti della canzone napoletana della prima metà del Novecento.
    Santa Lucia luntana narra dei tantissimi emigranti napoletani che partivano dal porto di Napoli verso terre lontane, come l’America. La canzone sottolinea i sentimenti che i napoletani provavano allontanandosi dalla propria terra, fissando il meraviglioso panorama del borgo di Santa Lucia, ultimo scorcio della loro terra che riuscivano a vedere, sempre più piccolo, all’orizzonte. E’, dunque, un brano che celebra l’attaccamento alla propria città, l’amarne tutte le sue bellezze e caratteristiche uniche e la sofferenza nel rinunciarvi.

  • « Santa Lucia, tu hai
    solo un poco di mare…
    ma più lontana sei,
    più bella sembri…
    Ed il canto delle Sirene
    che tesse ancora le reti
    Il cuore non vuol ricchezze:
    se è nato a Napoli
    ci vuol morire!»


    “NAPOLI” di Nino D’Angelo
    Colonna sonora del film “Quel ragazzo della curva B” del 1987, diretto da Romano Scandariato e interpretato da Nino D’Angelo. Il film è ambientato nell’anno del primo scudetto del Napoli.
    La canzone è stata per anni l’inno della squadra del Napoli ed è un festoso acclamare la città, le sue bellezze caratteristiche, l’azzurro del mare, del cielo e della maglia della squadra del Napoli. Amore, gioia e passione dei tifosi napoletani!

« ‘A bandiera tutta azzurra
ca rassumiglia ‘o cielo
e ‘o mare ‘e sta città..
Forza Napoli!
rint’all’uocchi ‘e ste guaglione
ca se scordano ‘e problemi
e se mettono a cantà..»

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!